ENJOY THE GAME

 
Nel pensiero di Giovanni Paolo II, lo sport è analogia della vita, perché il vero campo da gioco è la vita. Il sacrificio che lo sport richiede è metafora del sacrificio che la vita richiede per realizzare il bene e la gioia che ne deriva è la stessa che ci viene dal vivere bene le nostre giornate.
Lo sport è uno dei fenomeni culturalmente più rilevanti dei nostri tempi, capace di trasformare la vita dei singoli, come di parlare alla società e alla storia.
Da queste considerazioni è nata la mostra “Enjoy the game” presentata al meeting di Rimini 2018.
Alcuni atleti, nel panorama sportivo mondiale, sono stati e sono tutt’ora esempi di gioia realizzata per chi pratica sport e per chi vi assiste, ma anche uomini a cui guardare per la genuinità e profondità della loro esperienza umana.
La mostra, mediante pannelli e filmati, propone quattro esempi: Jesse Owens, protagonista assoluto delle Olimpiadi di Berlino 1936, Kobe Bryant considerato tra i migliori cestisti della storia dell'NBA, Roger Federer, re indiscusso del tennis e uomo di straordinaria classe e semplicità, Valentino Rossi, nove volte campione di MotoGp e fondatore della VR46 Riders Accademy.
 
Questa stessa mostra verrà offerta al pubblico dalla Scuola Vladimiro Spallanzani di S. Antonino e Sassuolo nella settimana dal 9 al 12 Aprile, presso la biblioteca dei ragazzi “Leontine” di Sassuolo col patrocinio del Comune. Diversi gli sponsor dell’iniziativa e numerosi gli eventi programmati con la presenza di testimoni significativi, tra cui Lorenzo Guerzoni, della società Maranello Nuoto, campione di nuoto per salvamento, concorrente in due campionati mondiali giovanili in Olanda e recentemente in Australia, Cecilia Camellini, nata a Modena, campionessa paralimpica mondiale ed europea nello stile libero e nel dorso e Lino Zani, guida alpina di papa Woytila.
Di particolare interesse gli eventi di apertura e chiusura della mostra: Il primo martedì 9 aprile presso lo Sporting Club di Sassuolo. Si tratta di una tavola rotonda tra società sportive locali : Delta atletica, Sporting Club e Piergiorgio Frassati Cycling Club; modererà la serata Samuele Adani direttore area formazione CSI di Reggio Emilia. Il secondo evento, conclusivo dell’iniziativa, si svolgerà venerdì 12 Aprile nei locali nella sede di Sassuolo della scuola Vladimiro Spallanzani con un ospite di eccezione, Lino Zani, maestro di sci e guida alpina di Karol Wojtyla che racconterà della sua amicizia con Papa Giovanni Paolo secondo.
La mostra potrà essere visitata durante gli orari di apertura della biblioteca ed è aperta a tutti, in particolare agli alunni delle scuole di Sassuolo e circondario, dato il sensibile valore educativo che riveste.
 
Per la scuola Vladimiro Spallanzani, poi, questa mostra è espressione straordinaria di operosità corale, in uno stile e prassi ormai consolidati, dove tutte le componenti scolastiche si sono messe in moto, coordinandosi, per perseguire quello che è lo scopo fondamentale dell’istituzione: educare.
Si sono coinvolti in particolare i genitori, anche attraverso l’Associazione Genitori, presenza essenziale nella comunità educante della scuola, che, attraverso una rete di contatti, ha poi coinvolto società sportive, scuole sport, imprese commerciali e singoli cittadini.
Ancora più bello l’entusiasmo con cui genitori, alunni e insegnanti si sono messi a disposizione per allestire la mostra e successivamente, dopo adeguata formazione, per costituire turni di accompagnamento dei visitatori per tutta la settimana.
Al di là del valore intrinseco dell’evento, è rilevante questo movimento di popolo suscitato da una scuola che, in forza della sua originale ispirazione cristiana, investe la società contagiandola col suo anelito di gioia e di bellezza.

Da una mostra il messaggio di gioia della scuola Vladimiro Spallanzani